Crea sito

Archive for the ‘consigli’ Category

LA POLVERE D’ARANCIA

Ingredienti per circa mezzo barattolino: la buccia (senza la parte bianca) di 1,2 kg di arance biologiche ben lavate ed asciugate.

Pelare le arance con un pelapatate togliendo loro la buccia ma non la parte bianca. Raccoglierle tutte in un piatto. Mettere nel microonde alla massima potenza (600 W) per circa 7-8 min., e comunque fino a quando si saranno seccate. Tritarle in un mixer. Conservarle in un barattolino di vetro, da tenere in dispensa insieme alle altre spezie.

Usatela nella preparazione di dolci, per decorare creme, cioccolate, per profumare carni arrosto, nel tè e dove più preferite.polvere d'arancia

Ritirata farina Conad: contiene micotossine oltre i limiti

Attenzione alla farina di mais: la catena di supermercati Conad ha infatti ritirato dagli scaffali le confezioni da un chilo Farina di mais Bramata con codice EAN 8003170025066.

Il lotto incriminato è stato prodotto per Conad da “Molino Nicoli SpA – Via Locatelli, 6 – Costa di Mezzate (BG)” e scade il 28/08/2018. Dagli esami, come riporta il sito della catena, è stata riscontrata una non conformità (presenza di micotossina in quantità minima ma lievemente superiore ai parametri stabiliti). Si tratta di sostanze prodotte da funghi patogeni e in grado di produrre effetti tossici cronici e acuti nell’uomo.farina bramata

Risparmiare gas ed energia in casa. Ecco come fare

Risparmiare gas edfornelli energia in cucina si può, attraverso alcuni piccoli accorgimenti da mettere in pratica, che permetteranno anche di guadagnare tempo prezioso e di ottimizzare il ricorso alle risorse energetiche, rendendo così le bollette più leggere. Ecco alcuni consigli pratici.

Riscaldamento dell’acqua

 

Una pentola piena d’acqua potrà essere posizionata vicino ad una stufa o ad un termosifone in inverno e sotto il sole in estate. Utilizzare un bollitore elettrico a risparmio energetico permetterà di portare ad ebollizione l’acqua in breve tempo e di consumare meno gas.

 

Cottura della pasta

 

Non è necessario che l’acqua abbia iniziato a bollire per versare la pasta nella pentola. E’ possibile agire già poco prima che l’acqua raggiunga il punto di ebollizione. E’ bene non attendere troppo, una volta che l’acqua bolle, nel buttare la pasta. Non gettare l’acqua di cottura della pasta. Scolare la pasta raccogliendo l’acqua in una ciotola, in modo da poterla utilizzare per lavare i piatti e consumare così meno acqua.

 

Cottura al vapore

 

La cottura al vapore permette la preparazione di pietanze utilizzando una fiamma sempre bassa e che può essere addirittura spenta alcuni minuti prima del termine della cottura, quando ormai si sarà sviluppato vapore a sufficienza per portarla a termine.

 

Cottura dei legumi

 

Tra i legumi essiccati, lenticchie, ceci e piselli sono quelli che richiedono tempi di cottura minori. Per poter dimezzare i tempi è anche possibile utilizzare la pentola a pressione.

E’ inoltre possibile portare ad ebollizione i legumi nella loro acqua di cottura, spegnere il fornello ed attendere un’ora. I legumi si saranno ammorbiditi e i tempi di cottura necessari risulteranno inferiori.

 

 

Usare sempre il coperchio

 

Il coperchio è un importante alleato mentre si cucina, poiché permette di ridurre i tempi di cottura e di risparmiare gas o energia elettrica. Dunque non bisogna dimenticare mai di utilizzare i coperchi, sia nel caso in cui vi serviate di pentole, sia che preferiate le padelle.

 

Riscaldamento dei cibi

 

Se sapete di dover riscaldare del cibo per il pranzo o per la cena, che avevate conservato in frigorifero, ricordarsi di estrarlo un po’ di tempo prima, anche con un’ora di anticipo, in modo da abbreviare il tempo necessario.

 

Forno elettrico

 

I forni moderni raggiungono la temperatura desiderata in tempi brevi. Ecco perché il più delle volte risulta inutile preriscaldare il forno prima di iniziare la cottura. Oltre ad evitare il preriscaldamento, è bene sapere come i forni spesso siano in grado di mantenere la propria temperatura costante anche per 20 minuti una volta spenti. Ecco perché è possibile spegnere il forno 10-20 minuti prima della cottura, risparmiando energia.

 

Spegnere le luci

 

Le luci posizionate al di sopra dei fornelli non sono il più delle volte dotate dilampadine a risparmio energetico. E’ dunque possibile intervenire con una sostituzione delle stesse, anche se la regola principale consiste nel non lasciare accese tali luci inutilmente. Per risparmiare energia, accendere le luci soltanto al momento del bisogno.

In tempi di crisi, piccoli e utili consigli per ridurre le spese familiari.

IL DENTRIFICIO PUO’ ESSERE UN VALIDO ALLEATO…

Il dentifricio può essere un valido alleato sia per le pulizie domestiche che  per la tua bellezza: sono innumerevoli infatti gli utilizzi che si possono fare del dentifricio. Se fino ad ora lo avete utilizzato solo per lavarvi i denti, da oggi potrete usarlo anche per sbiancare le unghie ed eliminare le macchie dai vestiti.
Vi basterà infatti strofinare del dentifricio con uno spazzolino sulle unghie, massaggiarlo per qualche minuto e poi risciacquare per vedere immediatamente l’effetto sbiancante. Le unghie saranno più brillanti e anche più forti. Per quanto riguarda le macchie invece, se si tratta di abiti e vestiti potete strofinare delicatamente una piccola dose di dentifricio sulla macchia e poi procedere con il normale lavaggio; se invece si tratta di macchie su divani e tappeti dopo averlo strofinato dovete rimuovere completamente i residui di dentifricio con una spugna bagnata. Se mentre cucinate vi schizzate con l’acqua o l’olio bollente potete utilizzare il dentifricio come rimedio di emergenza: applicando un lieve strato sulla bruciatura infatti proverete un sollievo dal dolore. Se la bruciatura dovesse essere invece ampia o aperta con presenza di sangue, dovete rivolgervi immediatamente all’ospedale.

Se le zanzare non vi danno tregua potete provare ad applicare il dentifricio sulle punture, che renderà meno fastidiosa la sensazione di prurito. Se devi pulire l’argenteria non è il caso di utilizzare prodotti chimici, ti basterà applicare delicatamente con uno spazzolino il dentifricio sui tuoi oggetti in argento, lasciare agire per due ore e poi risciacquare e asciugare con un panno morbido. Se cucinate spesso può capitare che rimangano sulle mani odori sgradevoli come pesce, aglio o cipolla; per eliminarli vi basterà applicare uno strato di dentifricio sulle dita per qualche minuto, e poi risciacquare. Se non riuscite ad eliminare le macchie sulla parte in gomma delle scarpe da ginnastica vi basterà strofinare il dentifricio sulla parte interessata ed eliminare poi i residui con un tovagliolo di carta: le scarpe saranno come nuove!dentrificio

Bustine in gel di silice, ecco quattro motivi per non buttarle via

Avete presente le bustine di gel di silice? Di solito le troviamo all’interno delle scatole delle scarpe, o nelle buste nelle quali sono conservati i maglioni, le t-shirt o le felpe.

Il più delle volte vengono gettate nei rifiuti, ma hanno delle proprietà davvero sorprendenti e possono rivelarsi utilissime nella vita quotidiana per risolvere qualche problemino.

Per la manutenzione dell’argenteria. Avete letto bene: lasciando i sacchettini di silice dentro il cassetto dove è riposta l’argenteria, vi aiuteranno ad evitare che diventino scuri e sporchi.

Per salvare lo smartphone se cade in acqua.Togliete la scheda sim e la batteria dal cellulare (se vi è possibile), poi conservate i componenti del telefono all’interno di un sacchetto pieno di pacchettini di gel di silice per 48 ore.

Per conservare documenti e riviste. E per allontanare il pericolo che si rovinino per colpa dell’umidità: le bustine di gel di silice fungono da deumidificatore e quindi, conservando i libri insieme a loro, eviterete che vengano rovinati dall’umidità.

Cattivi odori, addio. Inserendo le bustine all’interno delle calzature, il cattivo odore potrà essere eliminato.bustine di silice

SE VI SERVE SOLTANTO UN PO’ DI LIMONE

limoni
Se dovete utilizzare una piccola quantità di succo di limone, sarebbe uno spreco tagliare un frutto intero. Forate invece il limone con uno stuzzicadenti, fate uscire dal buchino realizzato tanto succo quanto ve ne serve e poi riponete il limone nel frigorifero lasciando lo stuzzicadenti nel foro come tappo.

COME TOGLIERE LE MACCHIE GIALLE DAI TESSUTI BIANCHI

Ingredienti

– bicarbonato di sodio

– detersivo per i piatti (meglio ecologico)

– perossido di idrogeno a 20 volumi

In una ciotola di vetro metti alcuni cucchiai di bicarbonato di sodio (a seconda della grandezza delle macchie da trattare), aggiungi l’acqua ossigenata fino a formare una pasta morbida e poi aggiungi ancora 1-2 gocce di detersivo per i piatti.

Metti pasta abbondante sulle macchie e strofina per qualche secondo con una spazzola, in modo da impregnare bene in tessuti. Lascia riposare per un’oretta e poi lava come di consueto.

Se vuoi un effetto sbiancante su tutto il capo, impregnalo completamente, lascia riposare per la solita oretta e poi lavalo come sei abituata.

Questo smacchiatore va benissimo anche sulle macchie gialle che si formano sui capi che stanno tanto chiusi negli armadi e su moltissime macchie ostinate.sbiancare

5 RAGIONI PER CUI BERE PIU’ ACQUA

frase acqua

VETRI SPLENDENTI

pulizia vetri

Ingredienti e utilizzo

– acqua
– aceto bianco
– alcool
– detersivo per i piatti (una goccia)

spruzzare, pulire (meglio se con fogli di giornale) e asciugare bene

Ricorda: i vetri vanno puliti SEMPRE quando c’è ombra, per evitare gli aloni.

PULIZIA DEL MICROONDE

Suggerimento:1-2 tazze d’acqua, 1-2 cucchiai di aceto da mettere in una ciotola in forno a microonde per 5 minuti…e voilà!!!forno a microonde

Search